Ripartenza: le nuove regole per la fase 2

Anche la Toscana riapre con oggi. Il presidente della Regione Enrico Rossi ha firmato ieri sera l’ordinanza (la 57) con il calendario e le nuove norme per la riapertura.

LE DATE
Da oggi 18 maggio possono riaprire negozi, servizi di cura alla persona (barbieri, parrucchieri, centri estetici), bar, ristoranti, uffici pubblici e musei, le funzioni religiose con il pubblico. Ci si può muovere liberamente e senza autocertificazione nella propria regione e si possono incontrare gli amici. Ovviamente questo non vale per le persone sottoposte a quarantena che devono rimanere in isolamento come disposto dalle autorità sanitarie.

dal 25 maggio è consentita la riapertura di palestre, piscine e centri sportivi

dal 15 giugno riapriranno cinema e teatri. Mentre potranno cominciare una serie di offerte ricreative per i bambini.

FEBBRE
In caso di temperatura maggiore di 37,5 gradi è obbligatorio rimanere a casa e contattare il medico curante

DISTANZA
Rimane il divieto di assembramento sia al chiuso sia all’aperto, sia in luoghi pubblici sia privati. La distanza interpersonale da mantenere è quella di un metro. Anche se la regione raccomanda di adottarne una di almeno 1,80 metri.

MASCHERINE
L’uso della mascherina è obbligatorio negli spazi chiusi aperti al pubblico, sui mezzi di trasporto e in tutti i casi, anche all’aperto, dove non sia possibile mantenere il distanziamento interpersonale. Mascherine non obbligatorie per i bambini sotto i sei anni.

SPORT
Consentiti gli sport individuali, anche in in circoli sportivi e impianti pubblici e privati che consentano lo svolgimento dell’attività con il distanziamento di almeno due metri.

GLI SPOSTAMENTI FUORI REGIONE E ALL’ESTERO

  • fino al 2 giugno ci si potrà muovere da una regione all’altra solo per motivi di lavoro, salute o assoluta urgenza con auto certificazione
  • dal 3 giugno sarà possibile muoversi da e per l’estero; continuano ovviamente a valere le misure restrittive internazionali e comunitarie, e, quindi, anche quelle che limitano gli ingressi in Paesi esteri dall’Italia;
  • sempre dal 3 giugno si potrà entrare in Italia da Paesi dell’Unione Europea senza l’obbligo dei 14 giorni di quarantena;
  • è consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione, residenza in Toscana solo per coloro che hanno sul territorio regionale il proprio medico di medicina generale o il pediatra di famiglia; non è, pertanto, consentito il rientro in Toscana verso le seconde case utilizzate per vacanze.